Carmelo Fiorino: CHI MI DEZZI A VITA?

Carmelo Fiorino è nato a Palmi ridente cittadina della provincia di Reggio Calabria.

Diplomato Ragioniere e Perito Commerciale all’Istituto Tecnico Commerciale “Luigi Einaudi” di Palmi nel 1982, non prosegue gli studi Universitari ma inizia a rendersi indipendente lavorando e collaborando, come ragioniere, in locali aziende della sua città.

Nel 1998 viene assunto a tempo indeterminato al Consiglio regionale della Calabria nella sede di Palazzo Campanella in Reggio Calabria, fino alla data odierna è un fido collaboratore del Settore Provveditorato ed Economato.

Autodidatta in pittura dove dipinge e disegna molte opere, ma la passione in cui credeva man mano va a scemare e oggi la pratica ogni tanto solo per hobby, e in musica, dove in età adolescenziale compone e musica alcune canzoni, per sé e per interpreti locali, da alcuni di essi incise.

Dal 2015 si diletta a scrivere componimenti poetici, passione che coltivava fin da giovane, in lingua Italiana e in Vernacolo Calabrese o meglio in lingua “Parmisana”, dove si ispira nei suoi componimenti, a personaggi, situazioni e i luoghi comuni della sua città, Palmi.

CHI MI DEZZI A VITA?

Mi chiedu  spissu chi mi dezzi a vita

chi nci circai e chi no’ mi fu datu.

Circaì li stiddhi cu li so splinduri

e ‘a janca luna cu lu so canduri.

Circai lu suli mi mi potìa caliari

e li thramunti a mmari pè ‘lletari.

Circai munti e muntagnoli e sciuri

e virdi chjani chini di culuri.

Circai lu mari cu na costa nota

e ‘na pacchjana o na Bagnarota.

Gìrai lu mundu e ndì vitti tanti

lochi luntani e beddhizzi santi

ma chiddhu chi jeu vidu ogni matina

a nosthra terra rresta la riggina.

Vidu lu mari viola e li so antri

li barchi a mmari e lu ballettu ill’untri

lu Sthrombuli ‘ssittatu a mmenz’omari

chi di la crista lu vidi fumari

e l’isuli Olii chi parinu pittati

di  lu tramuntu a sira ‘lluminati.

Chi sprendidi viduti! e la matina?

pari ca toccu ù strittu di Missina

luntanu Mungibeddhu ch’è ‘nnivatu

e l’Asprumunti cu Santu Lia a ‘llatu.

Jeu chistu vidu e vi pari pocu

di chista terra ‘i vantu e rrandi locu?

Circai pocu ma tantu mi fu datu

ringraziu Ddeu e nci sugnu gratu!

Di Carmelo FIORINO

Palmi 13/03/2019

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.